| alemarcotti

caro Babbo Natale… io ti aspetto. Quando ero piccola non sbagliavi un colpo. Sapevi esattamente tutto: nome, cognome, indirizzo e persino il piano di dove abitassi. Io continuo a scriverti. Ogni anno è sempre bello trovare dei pacchetti sotto l’albero. Quest’anno sono stata brava. Ho comprato le mele, le gardenie, le stelline e persino i panettoni. Lo so, le cose si fanno col cuore e senza chiedere nulla in cambio…ma siamo pur sempre umani… Eppure ho dato anche del mio, ho donato il sangue e anche una goccia in più del mio liquor per la ricerca e, ti assicuro, è stata una delle cose più dolorose mai provate. La metteresti una cura sotto l’albero di ogni bambino malato? Sotto al mio anche no: non ne ho così bisogno e ho imparato a convivere con questa malattia. Ma loro…caspita, loro si meritano una vita meravigliosa. Io li vedo in ambulatorio, con le loro mamme, apparentemente serene e gioiose. Ecco… una cura sarebbe il regalo più bello che possano ricevere, magari non per correre una maratona intera, ma per stare in piedi sulle loro stesse gambe ecco… quello sì.

@ALEMARCOTTI

fai come Alessandra, scrivici.

One Response to " CARO BABBO NATALE "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *